Il Fondo Ristorazione

artigiano che lavora prodotto caseario

Hai bisogno di informazioni sulle tempistiche di pagamento ?

Una prima tranche di pagamento dell’anticipo del fondo alle aziende aventi titolo, è stata avviata già nel mese di marzo. La seconda tranche sarà avviata nel mese di aprile per le pratiche complete e idonee. Si specifica che per le pratiche incomplete, per cui si rende necessaria un’integrazione a cura del richiedente, il pagamento dell’anticipo potrà essere effettuato solo in seguito all’avvenuta regolarizzazione della stessa. Entro la fine del mese di aprile, il richiedente, la cui pratica necessità di integrazioni/modifiche, riceverà una comunicazione con tutte le indicazioni per finalizzare la sua richiesta di adesione al fondo per la ristorazione.

Destinatari

I ristoratori e le ristoratrici possono richiedere contributi a fondo perduto per un minimo di 1.000 e un massimo di 10.000 euro e utilizzarli per gli acquisti di prodotti dell'agroalimentare italiano effettuato dopo il 14 agosto 2020 fino al giorno di presentazione della domanda.

Possono accedere al contributo ristoranti, pizzerie, mense, i servizi di catering, gli agriturismi e gli hotel con somministrazione di cibo. Per maggiori dettagli consulta l’elenco dei codici ATECO.

Codici Ateco

I codici ATECO prevalenti previsti da Decreto Ministeriale sono i seguenti:

  • 56.10.11 (ristorazione con somministrazione)
  • 56.29.10 (mense)
  • 56.29.20 (catering continuativo su base contrattuale)
  • 56.10.12 (attività di ristorazione connesse alle aziende agricole)
  • 56.21.00 (catering per eventi, banqueting)
  • 55.10.00 (alberghi) limitatamente alle attività autorizzate alla somministrazione di cibo

A partire dal 10 dicembre 2020 sarà possibile presentare la domanda per i seguenti Codici Ateco:

  • 55.20.52 - attività di alloggio connesse alle aziende agricole
  • 56.10.12 - ittiturismo, ai soli fini della presente procedura

FAQ

Chi può richiedere il contributo?

Possono accedere al contributo le imprese con codice ATECO prevalente definito dal Decreto Ministeriale dichiaranti che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi dei mesi da marzo a giugno 2020 sia inferiore ai tre quarti dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi dei mesi da marzo a giugno 2019. Questo criterio non si applica alle aziende che hanno avviato l'attività a decorrere dal 1° gennaio 2019.

Quali sono i codici ATECO prevalenti previsti dal Decreto Ministeriale?

Consulta questa sezione per conoscere la lista dei codici ATECO.

Leggi di più

Ci sarà un click day?

No, in quanto l’ordine di presentazione non dà diritto ad alcuna precedenza sulla erogazione del contributo. Prenditi il tempo necessario al recupero della documentazione richiesta prima di presentare la domanda.